Riproduzione di documenti e autorizzazione alla loro pubblicazione

Il servizio di fotoriproduzione può essere svolto con mezzo proprio previa autorizzazione del Direttore dell'Archivio di Stato secondo il Tariffario in vigore, approvato dal Ministero.
L'Archivio di Stato è in grado di effettuare la riproduzione dei documenti tramite fotocopie, fotografie e foto digitali. Per la richiesta di riproduzione è necessaria la compilazione dell'apposito modulo (vedi Modulistica). La richiesta deve essere autorizzata dal Direttore o funzionario della sala di studio. La riproduzione tramite fotocopia non è consentita nei seguenti casi: documenti rilegati di grande spessore, documenti in cattivo stato di conservazione e carte topografiche. Il Tariffario per la riproduzione è determinato dal il D.M. 8 aprile 1994 aggiornato per le riproduzioni digitali con lett.circ. 21/2005 della Direzione Generale per gli Archivi).


AUTORIZZAZIONE A PUBBLICARE Per poter pubblicare in facsimile i documenti o parti di essi, è necessario richiedere l'autorizzazione alla Direzione dell'Archivio, mediante la compilazione di apposito modulo (vedi Modulistica). La pubblicazione deve riportare la segnatura esatta del documento e gli estremi dell'autorizzazione. E' richiesta la consegna di tre copie della pubblicazione che utilizza i documenti riprodotti.

DIRITTI DI PUBBLICAZIONE I diritti di pubblicazione dovuti dal richiedente (Decreto 8 Aprile 1994 del Ministero per i Beni Culturali) non riguardano libri con tiratura inferiore alle 2000 copie e prezzo inferiore a euro 77,47, né pubblicazioni periodiche scientifiche.


RICERCHE E COPIE PER FINI NON DI STUDIO Il rilascio di copie per uso amministrativo comporta, oltre alla corresponsione delle tariffe di fotoriproduzione, l'inoltro di domanda in bollo alla quale allegare una marca da bollo ogni quattro facciate di ogni singolo documento (art.5 D.P.R. 642/1972), tranne che per i casi in cui la legge prevede l'esenzione di bollo (Amministrazioni dello Stato, Regioni, Province e Comuni).