L'Archivio di Stato venne istituito come sezione con DM 15 Aprile 1959 e divenne Archivio di Stato con il DPR n. 1409/1963, con il compito di raccogliere la documentazione storica di tutti gli uffici statali della provincia, relativa agli affari esauriti da oltre quarant'anni.

L'Istituto conserva un patrimonio documentario di circa quattordicimila unità, suddivisi in fondi, i più importanti dei quali sono: Atti Notarili, Prefettura, Cessato Catasto, Tribunale, Pretura e Questura, cui si aggiungono donazioni private di documenti e libri.

Si segnala la presenza di un ricca Biblioteca specialistica con pubblicazioni relative alla storia sarda ed in particolare alle discipline archivistica, paleografica e diplomatistica.

La sede è ubicata nel cuore della città lungo le pendici del colle Sant'Onofrio, nella Via A.Mereu, 49.

COMUNICAZIONE
RIPRODUZIONE DI DOCUMENTI ARCHIVISTICI EFFETTUATA DA PRIVATI CON MEZZI PROPRI

Con l'entrata in vigore della Legge 4 agosto 2017 n. 124 (art. 1 c. 171) che modifica l'art 108 del Codice dei Beni Culturali (D. lgs. 42/2004):
> Nessun canone è dovuto per le riproduzioni richieste o eseguite da privati per uso personale o per motivi di studio, ovvero da soggetti pubblici o privati per finalità di valorizzazione, purché attuate senza scopo di lucro. I richiedenti sono comunque tenuti al rimborso delle spese sostenute dall’amministrazione concedente. (art. 108 c.3 D. lgs. 42/2004).
> Sono in ogni caso libere le seguenti attività, svolte senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale:
1) la riproduzione di beni culturali diversi dai beni archivistici sottoposti a restrizioni di consultabilità ai sensi del capo III del presente titolo, attuata nel rispetto delle disposizioni che tutelano il diritto di autore e con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose né, all’interno degli istituti della cultura, né l’uso di stativi o treppiedi;
2) la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro. (art. 108 c. 3-bis D. lgs. 42/2004). 

                                                                                         AVVISO
Si informa l'utenza che stante il perdurare della mancanza di personale a decorrere dal 12/09/2017 il numero dei pezzi che si possono richiedere in un giorno è di 5 (volumi, registri, buste e grande formato). Eventuali variazioni verranno tempestivamente comunicate.

Eventi in evidenza:

Locandina_GEP_2017

 

 

Giornate Europee del Patrimonio 2017 - 23 settembre 2017

 

 

Da_te_ai_tuoi_antenati_locandina_2017

 

Corso di Genealogia: "Da te ai tuoi antenati" - 27 settembre - 6 dicembre 2017

 

 

Locandina_domenica_di_carta_2017

 

 

 Domenica di carta 2017 - 8 ottobre 2017 

 

News

07/09/2017

Circolare n. 33/2017

Nuova disciplina sulla riproduzione dei beni archivistici effettuata da parte dei privati con mezzi propri.Leggi

08/08/2017

Questionario di gradimento sull'orario di apertura della sala di studio

On-line il questionario di gradimento sala di studioLeggi

27/02/2017

Alternanza scuola-lavoro e luoghi della cultura.

On-line il testo di orientamento "Il Portolano"Leggi

04/01/2017

Progetto e Concorso nazionale "Articolo 9 della Costituzione"

Edizione 2016-2017Leggi

10/11/2016

18APP UN BONUS CULTURA PER I DICIOTTENNI

Un’applicazione web che permette di gestire il Bonus Cultura di 500 Euro riservato a tutti i ragazzi residenti in Italia che compiono diciotto anni nel 2016 Leggi